Angela Torriani Evangelisti

angela-ritrattoNata il 5.12.1964 a Palermo è cresciuta in Versilia. Oggi vive e lavora a Firenze e in Toscana. Si è diplomata in Lingue e all’Università di Lettere e Filosofia di Firenze ha proseguito gli studi in Lingua e Letteratura Francese seguendo inoltre seminari di: Letteratura inglese, Letteratura italiana, Letteratura e Storia del teatro ungherese, Storia dello spettacolo, Psicologia, Storia del cinema, Storia della Lingua francese.

Danzatrice e coreografa, direttrice artistica di Versiliadanza dal 1993, ha collaborato con artisti del mondo della danza, letteratura, cinema, musica, teatro e arti contemporanee come Antonio Tabucchi, Susanne Linke, Urs Dietrich, Micha Van Hoecke, Luciana Savignano, Igor Mitoraj, Jane Campion, Avion Travel, Eugenio Scigliano e strutture come l’Istituto Internazionale Andrej Tarkovskij, il Centre pour les Oeuvres chorégraphiques de Bagnolet Seine Saint – Denis, Festival La Versiliana, Teatro Comunale di Firenze, Festival Fabbrica Europa.

E’ figura eclettica fra le più interessanti nel panorama italiano, come la definì Leonetta Bentivoglio, nel saper spaziare dal ruolo di danzatrice a quello di coreografa, senza tralasciare l’ambito dell’organizzazione e l’ospitalità di figure di spessore internazionale nell’ottica di una crescita artistica propria e dei suoi danzatori e di una visione europea della danza e dell’arte contemporanea. Ha saputo spesso dar vita a progetti ‘pioneristici’ e riconoscere talenti che oggi sono all’apice della scena nazionale e internazionale o ideare progetti che hanno dato vita a esperienze come il Festival Fabbrica Europa (di cui è stata promotrice nel 1994).

Ha lavorato sulle opere di artisti quali Antonio Tabucchi (a cui la lega un percorso pluriennale), Igor Mitoraj, Andrej Tarkovskij e invitato figure del calibro di Bob Wilson, Susanne Linke, Urs Dietrich, Paco Decina per un continuo e mai scontato confronto artistico.

Figure con cui mantiene un rapporto collaborativo vivo e proficuo come nel caso di Susanne Linke e Urs Dietrich con cui, dal 2003 a oggi, ha condiviso molti progetti artistici di altissimo livello.

Oggi, accanto al suo lavoro coreografico, è responsabile del settore danza del Teatro Cantiere Florida di Firenze.

Formazione artistica

Inizia lo studio della danza classica nel 1976 con Erna Bonk (Balletto Reale Danese), nel 1978 è accettata alla Académie de Danse Classique Princesse Grace di Monte-Carlo sotto la direzione di Marika Besobrasova. Dal 1979 al 1980 prosegue i suoi studi al Centro Studi Danza di Firenze sotto la direzione di Lilia Bertelli e Cristina Bozzolini incontrando, fra gli altri, maestri come: Eugene Polyakov, Katie Duck, Hans Züllig.

Studia al Conservatoire de la Danse di Bruxelles con Marina Van Hoecke e segue corsi al Mudra di M. Béjart.

Dal 1984 al 1987 collabora con Lilia Bertelli per progetti di danza terapia per bambini ipo-vedenti e altre disabilità. Segue corsi con Maria Fux all’interno del Centro Toscano Danza Terapia diretto da L. Bertelli.

Partecipa a vari seminari di danza contemporanea e tecniche teatrali in Italia e all’estero con nomi tra cui desidera ricordare: Malou Airaudo, Dominique Mercy, Beatrice Libonati, Benedicte Billet, Antonio Carallo del Wuppertal Tanz Theater di Pina Bausch, Pippo Delbono, Claudio Morganti, Danio Manfredini, Cesare Ronconi (Teatro della Valdoca), Franco di Francescantonio, Susanne Linke.

Nel 1996 ha seguito un percorso con Tomasella Calvisi sull’uso della voce e tecniche vocali.

Fondamentale l’ incontro e il soggiorno in India nel 1995, con Abani Biswas, già attore del Teatro Laboratorio di J. Grotowsky, con il quale segue uno studio su alcune pratiche di danza e musica tradizionali indiane, training teatrale, arti marziali del Kerala.

Altrettanto basilare l’approfondimento dello studio della danza antica (rinascimentale e barocca) con Flavia Sparapani che unito allo studio della tecnica indiana Bharata Natyam con Verena Klameth, sono oggi indispensabile fonte di stimolo per la sua ricerca coreografica sulla gestualità e sulla filosofia del movimento.

Esperienze professionali

Nel 1985 collabora per il Festival Internazionale di Montepulciano, con la compagnia Kalenda Maya di Flavia Sparapani, ricercatrice e studiosa nel campo della danza antica dal sec. XV al sec. XVIII, danzatrice e coreografa di creazioni originali, per lo spettacolo DzeiPi. Negli anni collaborerà con Flavia Sparapani, partecipando ad alcune opere e creazioni per la sua compagnia La Follia.

Dal 1986 al 1988 é assistente del coreografo Micha Van Hoecke e partecipa a tutte le creazioni per il Ballet-Théâtre l’Ensemble (Cascade, Prospettiva Nevsky – 1986, Il Cappotto, Il Naso – 1987, Guitare 1988, e riallestimenti di Monsieur Monsieur, Doucha, La Dernière Danse) il Maggio Musicale Fiorentino (Omaggio -  1986) e la RAI.

Nel 1988 fonda a Firenze, insieme a Brunella Baldi, l’ Associazione Culturale Baldanza con cui lavora fino al 1993 partecipando a tutte le creazioni del gruppo.

Nel 1992 lavora a Cagliari con il regista Pierfranco Zappareddu, già attore di Eugenio Barba.

Dal 1995 al 1997 collabora con Marinella Salerno come co-autrice dei progetti coreografici.

Partecipa alle creazioni Tris (1998) e La Strana Festa (1999) della Compagnia Xé di Julie Ann Anzilotti.

Nel 1995 danza nel film Ritratto di Signora, regia di Jane Campion, coreografie Flavia Sparapani.

Nel 2000 partecipa, in veste di danzatrice e coreografa, alla ripresa dello spettacolo Macbeth Remix del Teatro del Suono di Genova diretto da Andrea Liberovici.

Partecipa, con Versiliadanza che ne coproduce una parte,  al progetto internazionale La Ballata dell’ Errore dell’Associazione Carovana Smi di Cagliari, in veste di danzatrice-coreografa per il Festival Fabbrica Europa di Firenze, il Festival Internazionale di Chinon (Francia).

Danza nello spettacolo florenz.CLIP (produzione Versiliadanza 2008) per le coreografie di Urs Dietrich e per lo spettacolo Waiting for white visions (produzione Versiliadanza 2006) per le coreografie di Eugenio Scigliano.

Coreografia

Debutta nel 1991 con l’assolo Méfiez-vous des morceaux choisis,  ispirato al romanzo Notturno Indiano di Antonio Tabucchi, ricevendo una segnalazione dalla critica alla Rassegna Danza Primavera di Grassina e vince il Primo premio all’unanimità del Concorso Internazionale di coreografia Città di Cagliari.

Inizia nel 1993 un progetto sull’ opera letteraria dell’ autore toscano e partecipa, con la creazione Arebours alla Piattaforma Italiana dei Rencontres Internationales de  Chorégraphie de Bagnolet-Seine Saint Denis-Francia, ricevendo una segnalazione dalla giuria internazionale.

Nel 1993 fonda Versiliadanza e a Cagliari l’Associazione Caranas 108 con Ritangela Spadola.

Nel 1995 crea le coreografie per Liolà regia di Rossana Siclari, per il Festival La Versiliana.

Con Marinella Salerno, presenta nel 1995, lo spettacolo Interni-Reves, nell’ambito del Progetto Tabucchi  e prosegue nel 1994 con Chevalier de Pas, tratto dall’opera di Fernando Pessoa e realizzato in collaborazione con Flavia Sparapani per il Festival di Bellinzona (Svizzera).

Nel marzo 1997  con la realizzazione di Atmosfere al Teatro Verdi di Pisa, progetto che vede impegnati 16 Artisti, (Chevalier  de PasAreboursInterni  e una piece teatrale Il Signor Pirandello é desiderato a telefono )  si conclude il progetto dedicato alll’autore toscano in atto dal 1993.

Crea, sempre nel 1997, una coreografia per assolo per Luciana Savignano,  presentata  al Teatro Comunale di Firenze in occasione dell’evento Omaggio a Mario Luzi.

Crea l’evento unico La Notte di San Lorenzo, un omaggio alla scultura di Igor Mitoraj, in occasione della mostra internazionale dello scultore polacco a Pietrasanta.

Seguono: Crepuscolo di Spade (1998) e Ofelia o dell’ irrealtà (1999) per il Festival La Versiliana poi invitati all’ Estate Fiesolana e in altri Festival e Teatri nazionali.

Nel 1999 (Piazza Duomo, Pistoia) e 2000 (Festival di Castiglioncello) è coautrice di un brano coreografico nella serata Aviondance organizzata da Vittoria Ottolenghi, dove le migliori compagnie toscane furono chiamate a danzare con il gruppo musicale Aviontravel. Serata poi mandata in onda su Maratona d’Estate/ RAIUNO.

Nel 2000 è invitata al Galà del Festival Internazionale Nuova Danza di Cagliari con l’ assolo Details, poi selezionato per la finale della Selezione Italiana dei Réperages di Lille.

Inizia nel 2001 un’indagine sull’opera di Shakespeare i cui titoli sono stati invitati e coprodotti da: Festival Danza Primavera di Grassina, La Versiliana, Fabbrica Europa, Teatro Niccolini di San Casciano V. d. P., Società Italiana delle Storiche-Università di Siena e la Sapienza di Roma.

Le sue coreografie hanno ricevuto produzioni, inviti e consensi da strutture come: Festival di Castiglioncello, Festival La Versiliana, Fabbrica Europa, Estate Fiesolana, Festival Internazionale Nuova Danza, Teatro La Pergola, Teatro Comunale di Firenze, ect..

Nel 2003 dà vita a un progetto triennale di produzione, formazione e promozione con Susanne Linke di cui, nel 2004,  è assistente, per la produzione Assaggi di Potere – Macht das Was ?.

Nel 2005, nell’ambito della serata Danza al Parco al Teatro al Parco di Mestre e dell’ evento finale SKG del progetto triennale di Versiliadanza al Teatro Goldoni di Firenze, viene invitata da Susanne Linke, a presentare l’ assolo Metafore per l’ Afonia del Tempo nella stessa serata con Giotto-Esquisses di cui la coreografa tedesca è autrice e danzatrice.

Una collaborazione che sfocia nel 2008 nella serata a due (Susanne Linke e Angela Torriani Evangelisti accompagnate dal vivo dai pianisti Matteo Fossi ed Emanuele Torquati) The Innocence of ruins, co-produzione Versiliadanza, Nuovi Eventi Musicali, Estate Fiesolana al Teatro Romano di Fiesole, dove Susanne Linke presenta in prima mondiale Kaikou Yin, capolavoro assoluto degli ultimi anni, che continua a girare in tutto il mondo come produzione Versiliadanza 2008.

Angela Torriani Evangelisti è stata l’unica coreografa italiana che, ad oggi, ha condiviso una serata a due con Susanne Linke.

Dal 2006 al 2008 realizza un progetto su Andrej Tarkovskij in collaborazione con l’Istituto Internazionale Andrej Tarkovskij, Andrej A. Tarkovskij, Andrea Ulivi, Edizioni della Meridiana, Stefano Maurizi.

Nel 2006 la creazione del video IStant d’Art con Leonardo Torrini e Anna Di Maggio per l’Istituto Statale d’Arte di Firenze con cui inizia un percorso interdisciplinare e stipula una convenzione pluriennale ancora in atto.

Sempre nel 2006 l’inizio del Progetto Armenia in collaborazione con l’artista visivo Leonardo Filastò, la Compagnia teatrale Small Theatre diretta da Vahan Badalyan e il National Centre of Aesthetics/ Armenia che sfocia, nel 2008, nella coproduzione italo-armena 7 Senses, di cui cura le coreografie, sostenuta dal Ministero della Cultura armeno, Ministero degli Affari Esteri/ Cooperazione e Promozione Culturale, Ambasciata italiana in Armenia, HIGHFEST Armenian International Festival of Performing Arts.

Collaborazione coreografica che continua nel 2009 con il nuovo allestimento 7th Sense, oggi alla soglia della sua 50ma replica dopo spettacoli in Armenia, Italia, Slovenia, Romania, USA e prossimamente Germania.

A questo progetto si lega la pubblicazione Luce armena (Ed. della Meridiana, 2009) e la mostra fotografica Luci armene a cura di Andrea Ulivi. Un progetto di residenza artistica che prosegue negli anni e che ha portato a nuove collaborazioni con l’Ambasciata d’Italia a Yerevan, il Consolato d’Italia a Gyumri, la Yerevan State University – Dip. d’Italianistica.

Nel 2010 crea insieme all’attore Gianluigi Tosto lo spettacolo Tutto inventato e regalato…a chi?  per ricordare la figura dell’artista Franco Di Francescantonio.

Nel 2011 lavora, insieme all’attore e regista Franco Palmieri/ Elsinor Teatro Stabile d’Innovazione, sulla figura di Anita Garibaldi nell’ambito dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Il suo lavoro è invitato a rappresentare l’Italia nell’ambito della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo a Yerevan.

Nel 2012 viene nuovamente invitata dall’ Ambasciata d’Italia a Yerevan per la Settimana della Lingua Italiana nel Mondo con uno spettacolo dedicato alle figure di Tonino Guerra e Antonio Tabucchi.

Sempre nel 2011 lavora a tre progetti interdisciplinari  (danza, scrittura, musica e arti visive) per il Festival Sui Generis realizzato al Museo Marino Marini di Firenze sulla memoria e scrittura delle donne a cura dell’Archivio “Alessandra Contini-Bonacossi’, Università degli Studi ed Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Nel 2012, dopo la scomparsa di Antonio Tabucchi, a cui la lega un percorso artistico pluriennale e un’amicizia nata dalla collaborazione negli anni, decide di dedicare all’autore toscano un anno di rilettura della sua opera toccandone i temi principali (come il viaggio, il tempo, ect ) attraverso delle tappe.

Nascono gli spettacoli Viaggi di Viaggi per il Festival Lunatica e Tempus fugit per l’Estate Fiorentina – Comune di Firenze. Nel marzo 2013 la fase finale del progetto con la tre giorni Antonio Tabucchi dialoghi inquieti da lei ideata e promossa insieme al Teatro Cantiere Florida di Firenze, la Fondazione Sistema Toscana, il Sindacato dei Critici Cinematografici Italiani, con il debutto della sua nuova creazione realizzata con Gianluigi Tosto, proiezioni dei film più importanti legati alla sua scrittura, letture, testimonianze di scrittori, registi, editori, attori, giornalisti, ect.

Nel 2013 crea la coreografia Lettera di Calipso per Luciana Savignano per la serata TWENTY! in occasione del ventennale di Versiliadanza al Festival La Versiliana.

Organizzazione

- 1994: Organizzazione della Piattaforma Italiana dei Rencontres Internationales de chorégraphie de Bagnolet Seine Saint – Denis in collaborazione con il Festival La Versiliana, il Comune di Pietrasanta e Franco Martini.

E’  fra i promotori del Progetto Fabbrica Europa di Firenze dove, tra gli altri, realizza nel 1995 il progetto Piattaforma Italiana – Rencontres Chorégraphiques  Internationales de Bagnolet Seine-Saint Denis;

- 1999: Organizzazione e Direzione Artistica della Piattaforma Italiana dei Rencontres Internationales de chorégraphie de Bagnolet Seine Saint – Denis, in collaborazione con Provincia di Firenze e Progetto Regionale ToscanaDanza;

- 1998 – 2003: Assistente alla Direzione Artistica per il settore Danza contemporanea del Festival La Versiliana ;

- 1999 – 2002: Membro del Consiglio Artistico per l’Italia dei Rencontres Chorégraphiques Internationales de Seine-Saint Denis;

- 2001: Organizzazione e Direzione Artistica della Piattaforma Italiana dei Rencontres Internationales de chorégraphie de Bagnolet Seine Saint – Denis, in collaborazione con Comune e Provincia di Firenze, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Studio di Scandicci, Florence Dance Cultural Center, ToscanaDanza;

- 2003 – 2004/2006 – 2008: Organizzazione e Direzione Artistica di Looking for Visions – Perimetro Stravagante sulla Contemporaneità per Estate Fiorentina, in collaborazione con Comune di Firenze, Q4 Commissione Cultura;

- 2003 – 2005: Ideazione e Organizzazione del Progetto internazionale con Susanne Linke di Produzione, Formazione, Promozione in collaborazione con Enti e strutture pubbliche e private del territorio;

- 2006: Inizio del progetto pluriennale  IStant d’Art con l’Istituto Statale d’Arte di Firenze con cui realizza, nel 2007, la I edizione della rassegna Looking for Art Festival, tutt’ora in corso negli spazi della scuola;

- 2006-2012: Ideazione e sviluppo del Progetto Armenia in collaborazione con la Compagnia Small Theatre/ NCA diretta da Vahan Badalyan e con realtà artistiche e strutture teatrali (produzione, ospitalità, eventi speciali, corsi di formazione) e il sostegno dell’Ambasciata d’Italia a Yerevan ;

- Continua collaborazioni artistiche con artisti di fama mondiale come Susanne Linke e Urs Dietrich;

- Nel 2009, in collaborazione con ADAC TOSCANA, invita il Maestro Robert Wilson al Teatro Goldoni di Firenze per un incontro col pubblico e la proiezione di Hamlet/ A monologue;

- Nel 2010 è Membro del Comitato Scientifico del Festival Sui Generis realizzato al Museo Marino Marini di Firenze sulla memoria e scrittura delle donne a cura dell’Archivio “Alessandra Contini-Bonacossi’ con la collaborazione dell’Università degli Studi di Firenze ed Ente Cassa di Risparmio di Firenze;

- Nell’estate 2012 crea un progetto di rete con altre due realtà toscane (Compagnia Simona Bucci e Opus Ballet) di danza con cui promuove la rassegna Parco Danza Villa Strozzi sostenuta dal Comune di Firenze per l’Estate Fiorentina;

- Dal giugno 2012 si occupa della Direzione Artistica del Settore Danza del Teatro Cantiere Florida di Firenze.

Insegnamento

Ha insegnato presso:

Centro Studi Danza di Firenze e Arezzo diretto da Lilia Bertelli e Cristina Bozzolini, Conservatoire de la Danse di Bruxelles, Comune di Pietrasanta, Mascarà Teatro Popolare d’ Arte – Firenze, Danza Terapia per Bambini ipovedenti, Licei e Istituti Superiori della Provincia di Firenze, Scuole elementari del Comune di Firenze, Scuole private di danza e teatro, Ass. Vivere Insieme

E’ stata docente del progetto internazionale MUS-E per l’inserimento delle discipline artistiche nelle scuole Elementari. Il programma viene proposto alle scuole con elevata presenza di bambini immigrati e dal difficile background socio-culturale, luoghi dove l’esperienza artistica guidata insegna a comprendere i possibili modi di essere e dove il linguaggio artistico favorisce l’incontro tra culture.

Ha ideato il progetto Traversar Confini, progetto di Danzamovimentoterapia per gli Istituti Superiori.

Attualmente insegna e conduce progetti di danza e arte terapia per gli Istituti Superiori della Provincia di Firenze.

Varie

Dal 2005 al 2007 e nuovamente nel 2010 è Membro del Consiglio Direttivo di ADAC Toscana – Associazione Danza Arti Contemporanee.

Dal 2008 si occupa di medicina e massaggio ayurvedico, seguendo seminari e corsi di formazione presso l’Istituto italiano di Ayurveda di Firenze.

Pubblicazioni

Dirige dal 2008 con Andrea Ulivi, la collana Quaderni fotografici/ Altre Visioni per la Casa editrice Edizioni della Meridiana.

Nella collana sono stati pubblicati: Nel bianco giorno (novembre 2008), Luce armena (settembre 2009), Traversar Confini (2012).

Angela Torriani Evangelisti è presente :

-       La Danza Italiana Oggi.  In punta di piedi  - Catalogo a cura della Fondazione Romaeuropa  1995
-       Il Toscalogo - Toscana Spettacolo Fondazione – Regione Toscana  1994
-       Coreografie Contemporanee - Catalogo a cura del CIDIM – Comitato Nazionale Italiano Musica – CIM   Unesco  1996
-       Le Produzioni della danza italiana’ – Mediascena 1996
-       Il Corpo che danza  - Catalogo a cura di Massimo Agus per il Centro Regionale Toscano Danza 1995
-       Annuario Coreografico – 1995 – 96  Autrice: F. Mangiavacca   Ediz.: L’Arabesque’ e ‘Danzasì’
-       Guida alla Danza Toscana – Florence Art Edizioni 1999
-       Dizionario dello Spettacolo del ‘900 – Baldini & Castoldi Ed. 1999
-       Schritte Verfolgen – Die tanzerin und choreographin Susanne Linke – Ed. K. Kievos, Monaco 2005
-       Nel bianco giorno – Ed. della Meridiana, Firenze 2008
-       Luce armena – Ed. della Meridiana, Firenze 2009
-       Traversar Confini – Ed. della Meridiana, Firenze 2012

Comments are closed.