GOODBYE MR. NIGHTINGALE – una serata con Antonio Tabucchi

GOODBYE MR. NIGHTINGALE

una serata con Antonio Tabucchi

foto-tabucchi

di e con
Angela Torriani Evangelisti e Gianluigi Tosto
testi: Antonio Tabucchi
 
costumi e allestimento: Toni Musa
 
disegno luci: Gabriele Termine
scenotecnica: Eva Sgrò
staff tecnico: Carolina Agostini, Giulia Broggi, Eva Sgrò, Gabriele Termine
contributi visivi e sonori: Leonardo Filastò
relazioni esterne: Emanuela Torriani
foto di scena: Andrea Ulivi
organizzazione: Elisabetta Bartolini
comunicazione: Filippo Figone
una produzione
Versiliadanza
con il sostegno di Regione Toscana, Ministero per i Beni e le Attività
Culturali e del Turismo/MiBACT, Comune di Firenze e la collaborazione della BiblioteCaNova
Isolotto/ Consiglio di Quartiere 4.
Patrocinio del Comune di Firenze nell’ambito dell’evento r
ealizzato nel marzo 2013
Antonio
Tabucchi
-
Dialoghi inquieti
, un progetto a cura di Versiliadanza, Teatro Cantiere Florida/ Elsinor
Centro di Produzione Teatrale, Fondazione Sistema Toscana, Gruppo Toscano Sindacato Critici
Cinematografici Italiani

In mezzo al quadro e bene in alto, fra nuvole e cielo, farete un vascello. Esso non sarà un vascello ritratto secondo il vero, ma qualcosa come un sogno, un’apparizione o una chimera. Perché sarà insieme tutti i vascelli che portarono la mia gente per mari ignoti verso lontane coste e negli abissi infiniti degli oceani; e insieme sarà tutti i sogni che la mia gente sognò affacciata alle scogliere del mio paese proteso sull’acqua; e i mostri che essa creò nell’immaginazione, e le favole, i pesci, gli uccelli abbaglianti, i lutti e i miraggi. E insieme sarà anche i miei sogni che ereditai dai miei avi, e la mia silenziosa follia. Alla polena di questo vascello, che avrà figura umana, darete sembianze che paiano vive e che ricordino lontanamente il mio volto. Su di esse potrà aleggiare un sorriso, ma che sia incerto o vagamente ineffabile, come la nostalgia irrimediabile e sottile di chi sa che tutto è vano e che i venti che gonfiano le vele dei sogni non sono altro che aria, aria, aria.

(Antonio Tabucchi, da I volatili del Beato Angelico)

Versiliadanza per anni ha lavorato sull’opera dell’autore toscano, prima fonte di ispirazione del lavoro di Angela Torriani Evangelisti nel 1993. L’autrice dal marzo 2012 procede a tappe, insieme all’attore Gianluigi Tosto, nella rilettura dell’opera di Tabucchi con vari momenti dedicati ai temi principali della sua opera letteraria come il viaggio o il tempo (ospiti del Festival Lunatica, FIND31 di Cagliari, Festa della Toscana, Palazzo Aperto, Estate Fiorentina/Comune di Firenze, Officine CAOS – Torino e l’evento Antonio Tabucchi – Dialoghi inquieti).

Uno speciale ringraziamento a Maria José de Lancastre e Sandra Teroni

Comments are closed.